ISTITUTO COMPRENSIVO

SPOLETO 2


Progetti

Progetti

Lo Zaino Volante

 

Ancora un’esperienza che ha del sensazionale all’Istituto Comprensivo Spoleto 2!

 

Questa volta si tratta di un nuovo mezzo di locomozione, ideato e realizzato da un gruppo di lavoro formato da studenti, insegnanti e genitori che prende il via da due problemi: la pesantezza degli zaini di scuola (anche se spesso originato dalla negligenza di non lasciare a casa libri che non servono) per tutti, ma in particolare per persone con problematiche quali scoliosi o ridotta mobilità degli arti o prensilità delle mani e l’uso dell’Hoverboard, mezzo non omologato, per cui inutilizzabile per gli spostamenti fuori casa.

I vecchi saggi dicono ancora: “Da due problemi non viene fuori una soluzione!” e nella norma è vero, ma in questo caso si tratta di un vero e proprio progetto discusso a tavolino durante il periodo dei Colloqui con le famiglie quando appunto, ritrovate insieme le tre componenti fondamentali della Scuola, viene presa in considerazione un’intuizione del prof. di Arte e Immagine, Franco Pasqualoni, di disegnare, sotto forma di progetto, la soluzione al problema. Gli alunni, sostenuti da un gruppo di genitori che hanno curato la realizzazione del prototipo, da un’agenzia di assicurazioni che ha fornito i materiali e da uno studio legale, che ha assicurato la sua partecipazione al progetto, hanno avviato i lavori,  elaborando un’infinità di materiali, cartacei e fotografici che li hanno portati a … Curiosi di sapere come finirà?

 

Vi aspettiamo sabato 5 Maggio alle ore 12,00 presso la sede “Manzoni”.

 

                    

 

Certificato di eccellenza Code Week

 

Il Coding alla Pianciani 

 

 

Dal 07 al 22 ottobre 2017 l’Europa ha celebrato la quinta edizione di Europe Code Week, la settimana europea della programmazione informatica, promossa per favorire l’organizzazione di eventi e di opportunità di apprendimento che avvicinino giovani e giovanissimi al pensiero computazionale e al problem solving.

La Scuola Secondaria di primo grado Pianciani, convinta dell’utilità di avviare i giovani alla risoluzione di problemi attraverso il pensiero computazionale, anche quest’anno ha partecipato all’evento con quasi tutte le sue classi, coinvolgendo oltre 80% dei suoi alunni.

Il coinvolgimento di un così elevato numero di alunni ha consentito di ottenere dalla Commissione Europea il Certificato di Eccellenza per l’Alfabetizzazione al Coding e di essere una delle 785 scuole europee a ricevere tale riconoscimento.

 

Progetto d'orientamento "Crea il tuo oggetto d'arte"

 

Attività di Orientamento Classi terze

 

L’Istituto Comprensivo Spoleto 2, in merito alle attività di orientamento in uscita, programmate per aiutare i propri alunni ad effettuare una scelta consapevole e adeguata alle proprie inclinazioni personali della scuola secondaria di secondo grado, ha aderito al progetto “Crea il tuo oggetto d’arte” promosso dall'IIS Sansi Leonardi Volta. Un costruttivo dialogo è stato intrapreso con il Liceo Artistico Leonardi  attraverso le funzioni strumentali di riferimento Prof.ssa Nicolosi e Prof.ssa Fastellini. A partire dal 13 novembre è stato infatti avviato il Progetto Crea il tuo oggetto d'arte pensato e curato dalla Prof.ssa Irene Nicolosi con la collaborazione della Prof.ssa Emanuela Fastellini e destinato ai ragazzi frequentanti il secondo e terzo anno di corso della Secondaria di Primo grado “Pianciani-Manzoni”. Obiettivo  del progetto è stato la realizzazione di un oggetto artistico, nella forma di elaborato grafico-pittorico, da riprodurre su shopping-bag di tela che poi è stata donata all'Alunno che ne ha curato la realizzazione. Il progetto ha previsto, per ciascuna classe, un ciclo di incontri mattutini che si sono svolti nel  mese di novembre presso il Liceo Artistico con la collaborazione in qualità di Tutor, di Studenti della classe seconda A.

 

      

ATTIVITÀ DI PREVENZIONE E CONTRASTO DEL BULLISMO E CYBERBULLISMO

Referente prof.ssa  Pina Vassallo

 

Verso la fine di questo anno scolastico, come richiesto dalla nota MIUR protocollo 964 del 24.02.2017, sono stata nominata referente di Istituto per le attività di prevenzione e contrasto al fenomeno che con frequenza sempre maggiore colpisce i giovanissimi. La legge relativa n. 3139-B è stata definitivamente approvata  il 17/05/2017. Limitando la mia attività alla Scuola Secondaria di primo grado, vista l’esiguità del tempo rimasto, ho predisposto delle schede di monitoraggio delle attività inerenti alla problematica, destinate ai colleghi coordinatori di classe, nelle quali elencare le attività svolte, i luoghi e i periodi dell’anno scolastico. Ne è venuto fuori un quadro dettagliato e completo.

 In tutte le classi fin dall’inizio e spesso per tutta la durata dell’anno scolastico sono state svolte attività di lettura di testi informativi e narrativi, confronti sul contenuto e sulla conoscenza di episodi di cronaca, visione di video e film e conseguenti riflessioni e brainstorming, opera di sensibilizzazione attraverso il racconto di esperienze anche personali, ascolto attivo e analisi sull’uso consapevole dei vari Social network.

Nelle classi terze in particolare le attività sono state più intense e diversificate. Partecipazione a convegni sul tema, laboratorio di produzione video e diapositive, racconto e discussione di esperienze personali, raccolta di informazioni anonime su richiesta degli alunni stessi, e in alcuni casi, coinvolgimento dei genitori e del Dirigente Scolastico.

I docenti sono stati sempre disponibili al dialogo costruttivo, predisposti alla formazione, sempre alla ricerca di nuove informazioni vista la divulgazione attraverso i media di nuovi fenomeni sempre più particolari e attrattivi verso i giovani.  Da sempre vengono evidenziate sensibilità e attenzione verso questa problematica come dimostra la risoluzione di conflitti e criticità. Anche quest’anno, pur senza adeguate risorse economiche, grazie al costante lavoro e dedizione dei docenti, dei collaboratori scolastici e del Dirigente, grazie alla continua cooperazione con le famiglie, la nostra Scuola ha combattuto con successo contro il bullismo e il cyberbullismo, creando un ambiente sereno e le migliori condizioni per l’apprendimento.

 

 

Il Giacomino, nuovo giornalino online della terza B San Giacomo

 

Il giornale prodotto è scaturito dalla partecipazione e dal coinvolgimento attivo degli alunni della  terza Sez. B, sede “ Pascoli” della secondaria di I grado  “ Pianciani-Manzoni”, plesso San Giacomo coordinati dall’insegnante Di Luise Giuseppina per la realizzazione del “Giacomino”, giornalino on line della scuola. L’idea di creare un giornale nasce dalla voglia di dare agli alunni un’occasione di lavoro accattivante, piacevole e un luogo dove far conoscere il proprio pensiero agli altri.

Il giornale scolastico diviene, inoltre, un ambiente, dove poter sperimentare vari tipi di scrittura.

La possibilità di utilizzare Internet per la ricerca e la connessione alla rete, ha spinto la redazione del giornale a sperimentare, oltre alla versione cartacea anche quella fruibile direttamente online sul sito della scuola.

Il giornalino scolastico, la cui redazione è stata composta dagli alunni della classe 3B della Secondaria di I grado “Giovanni Pascoli” del plesso di San Giacomo, è stata anche un’importante occasione di educazione alla socializzazione, sia per i contenuti, interdisciplinari trattati, sia per l’attività svolta, che ha visto la collaborazione di tutti per la realizzazione di un prodotto comune.

Per quanto riguarda i tempi, il percorso formativo si è svolto nel secondo quadrimestre, con attività in orario curricolare, sia a casa, soprattutto  per la raccolta di materiali necessari alla stesura degli articoli presenti nel giornale.

Altri incontri si sono svolti per la raccolta e creazione di articoli, d’interviste, di poesie, giochi, indovinelli, ecc., su argomenti scelti nelle diverse discipline (italiano, storia e geografia) all’interno delle diverse attività curricolari.

Per la realizzazione tecnica del giornalino cartaceo si è scelto un modello di Publisher, su cui poi si è lavorato all’impaginazione definitiva e alla stampa.

Per la realizzazione in formato digitale del giornalino si è utilizzato  Issuu, un servizio web che permette  di creare la propria rivista sfogliabile online utilizzando i propri documenti in formato pdf.

In termini di competenze attese, alla fine di questo percorso formativo, sono stati raggiunti i seguenti traguardi per lo sviluppo delle competenze previsti al termine della scuola secondaria di primo grado:

•      L’alunno è capace di interagire in modo efficace in diverse situazioni comunicative, sostenendo le proprie idee con testi orali e scritti, che siano sempre rispettosi delle idee degli altri.

•      Usa in modo efficace la comunicazione orale e scritta per collaborare con gli altri, per esempio nella realizzazione di giochi, nell’elaborazione di progetti e nella valutazione dell’efficacia di diverse soluzioni per un problema.

•      Nelle attività di studio, personali e collaborative, usa i manuali delle discipline o altri testi di studio, al fine di ricercare, raccogliere e rielaborare i dati, le informazioni, i concetti e le esperienze necessarie, anche con l’utilizzo di strumenti informatici.

•      È in grado di usare le nuove tecnologie e i linguaggi multimediali per supportare il proprio lavoro.

Gli alunni che hanno partecipato alla redazione hanno socializzato, lavorato in gruppo responsabilmente, tenendo conto delle esigenze altrui, collaborando attivamente per il raggiungimento di un obiettivo comune, aiutandosi nelle difficoltà incontrate nel corso del lavoro di classe.

 

Link al giornalino: https://issuu.com/giuseppina95/docs/giornalino_3b_san_giacomo_giugno_20

Progetto-concorso "Spoleto, la città in un presepe"

 

 

"Spoleto, la Città in un Presepe"  -Natale 2016-

In occasione della festa del Santo Natale l’ Istituto Comprensivo Spoleto 2 ha preso parte all'evento, organizzato dalla Pro Loco di Spoleto "A. Busetti" in occasione della manifestazione "Spoleto, la Città in un Presepe", giunto alla sua 7^ edizione.

Se diamo uno sguardo al nostro mondo, potremo notare come oramai la ricorrenza del Natale non appartiene più solo alla comunità cristiana, ma a tutti gli uomini, in quanto è una festa diffusa in tutti i continenti. Ha assunto un significato universale ma allo stesso tempo trasversale.  Questa festa resiste e va sempre più diffondendosi, nonostante la frenesia del progresso ne stiano modificando profondamente il significato affettivo e soprattutto spirituale, denudandola del suo significato mistico e simbolico. Ogni Natale ci riporta nella dimensione del mito e del rito, un rito collettivo che ravviva sulla terra luci e speranze, proprio nel periodo in cui le tenebre sono più lunghe. Ogni anno, mentre prepariamo il presepio o addobbiamo l’albero, ripercorriamo le strade della memoria, ritroviamo i gesti che abbiamo appreso fin dall’infanzia, e si rinnova con le varie età della vita tramandandosi di generazione in generazione. Questo vale per le famiglie, per i genitori, ma anche per chi è solo, perché nella notte di Natale volenti o nolenti ci si sente coinvolti in un evento che abbraccia tutti, perché parla in maniera misteriosa a tutta l’umanità.

Al di là quindi del significato storico che la cristianità attribuisce al Natale, questa festa continua a coinvolgerci probabilmente perché ha radici profonde, che evocano dimensioni quasi dimenticate e parla un linguaggio di cui abbiamo smarrito l’alfabeto, ma di cui la nostra anima conserva ancora qualche eco.

Su queste riflessioni e considerazioni la prof.ssa Spagnolo ha lavorato con i suoi alunni per realizzare i presepi che hanno partecipato al concorso.

 La classe II A della Pianciani ha partecipato molto attivamente a questo progetto-concorso realizzando dei plastici con cui  ha voluto sottolineare l’importanza della nostra tradizione e della famiglia. La classe, divisa in gruppi, ha dato libero sfogo alla fantasia realizzando in modo originale sei presepi nei quali il fulcro centrale è stato il nucleo della famiglia, intesa anche in senso allargato come scuola, luogo dove si vive e lavora insieme in comunione. I ragazzi hanno seguito i lavori in modo artistico e originale.

Sabato 28 Gennaio presso la Sala conferenze piano terra del Chiostro di San Nicolò di Spoleto si è tenuta la cerimonia di Premiazione dei Presepi.I Presepi realizzati dai ragazzi della II A della secondaria Pianciani, guidati dalla prof.ssa Spagnolo Anna hanno ricevuto gli attestati di partecipazione e numerose critiche positive e gratificanti che hanno premiato l’impegno dei ragazzi, ma anche delle famiglie che hanno fattivamente aiutato i loro ragazzi nella realizzazione di queste vere e proprie opere d’arte. Il presepe “La Natività Floreale”, sempre della classe II A, si è aggiudicato il 1° premio del concorso "Spoleto, la Città in un Presepe" con la seguente motivazione:

“Un’interpretazione della Natività particolarmente artistica con un’ottima manualità, capacità di entrare nell’anima del presepio con grande intuizione poetica. Ottima l’attenzione ai dettagli con l’utilizzo di una grande varietà di materiali. La scala a

chiocciola.che unisce i due piani dell’opera è una vera opera d’arte.”

Il Premio ricevuto è stato un buono del valore commerciale di € 100,00 per l’acquisto di materiale didattico.

Un ringraziamento particolare a Filippo Titta per il supporto tecnico offerto.

Alcuni particolari dei presepi realizzati

 

   

 


  


  

      

 

Tra le mura... per non dimenticare

 

Il video realizzato è scaturito dalla partecipazione e dal coinvolgimento attivo degli alunni della  terza Sez. B, sede “ Pascoli” della scuola media  “ Pianciani-Manzoni”, plesso San Giacomo coordinati dall’insegnante Di Luise Giuseppina per la partecipazione al concorso "I giovani ricordano la Shoah"

Gli alunni, divisi in gruppi e guidati dal docente, hanno letto alcuni racconti tratti da “ Le cinque storie ferraresi” di Giorgio Bassani, hanno approfondito alcuni punti del romanzo intitolato“ Il giardino dei Finzi-Contini” sempre dello stesso autore, hanno letto alcuni documenti, racconti e testi poetici che riportavano le testimonianze dei sopravvissuti  ed hanno, infine, visionato alcuni film tra cui quello di Vittorio de Sica: “ Il giardino dei Finzi-Contini” tratto dall’omonimo romanzo di Bassani. In seguito hanno sviluppato e discusso l’argomento utilizzando anche le informazioni provenienti da testi scolastici e da Internet, hanno poi elaborato tali informazioni e formulato le loro considerazioni in testi scritti, cercando di esporle e ordinarle in modo da renderle facilmente comprensibili a tutti.

Ciò che è emerso dalle loro discussioni, dopo il lavoro di lettura e approfondimento, è stata l’incomprensibilità di tanta cattiveria, infatti una delle domande più frequenti all’interno di questi scambi di idee è stata:” Come l’uomo ha potuto far questo ad un suo simile?”, domanda a cui non sono riusciti a dare una risposta.

Il passo successivo è stato quello di scrivere una sceneggiatura nella quale è ricostruito il clima dell’epoca e che è servita come base di partenza per  la realizzazione del cartone animato confezionato grazie all’aiuto di un esperto esterno: il dott. Bellini Fabio del Sistema Museo di Perugia.

Il cartone animato è stato realizzato con la tecnica della claymotion, una delle tecniche fondamentali dello stop motion, in cui le sculture realizzate dai ragazzi sono state fotografate con scatti consequenziali all'interno di un set di ripresa.

I ragazzi hanno cercato di rendere, attraverso il cartone, il loro disappunto per quei tragici avvenimenti utilizzando un linguaggio semplice e immediato proprio di questo mezzo espressivo.

 

Link al video: https://youtu.be/S5V7nAfBhA4

Allegati:
Scarica questo file (I giovani ricordano la Shoah.docx)Sceneggiatura del video \48 kB

Calendario

Ultimo mese Ottobre 2018 Prossimo mese
D L M M G V S
week 40 1 2 3 4 5 6
week 41 7 8 9 10 11 12 13
week 42 14 15 16 17 18 19 20
week 43 21 22 23 24 25 26 27
week 44 28 29 30 31

Prossimi Eventi

Nessun evento

Accesso Utenti

Chi è online

Abbiamo 69 visitatori e un utente online

Questo sito web utilizza i cookie per essere sicuri di ottenere la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo